Mappa del parco

cartina zona Milano zona Sesto San Giovanni e Cologno Milanese zona Monza e Brugherio

Fiumi e canali a pedali

Questo progetto costituisce la naturale evoluzione di “4 parchi su due ruote” e ha come obiettivo il collegamento dei parchi del nord Milano con il Parco delle Groane e il Parco Valle Lambro, attraverso le vie d’acqua: il canale Villoresi, il fiume Lambro e il canale Martesana. L'idea è realizzare, in occasione di Expo 2015, un itinerario ciclabile che vada dal polo della Fiera di Rho fino al centro di Monza, collegato, attraverso il PMVL, con il canale Martesana. Il progetto ha partecipato al bando 2010 della Fondazione Cariplo “Promuovere forme di mobilità sostenibile”, presentato in collaborazione con Parco delle Groane, Parco Grugnotorto Villoresi e Milano Metropoli Agenzia di Svilluppo.


8 passi per il parco

Partecipiamo al bando 2010 della Fondazione Cariplo “Qualificare gli spazi aperti in ambito urbano e peri-urbano” con il progetto “8 passi per il parco”. L’obiettivo è redigere studi di fattibilità per otto percorsi progettuali, tra cui “6 progetti in cerca d’autore”, il progetto Bergamella e un progetto specifico sul mulino di Occhiate e le sue aree agricole.
La quota di cofinanziamento del Parco consiste in due borse di studio per un programma di ricerca concordato con il master di Politecnico e Naba e nello stanziamento a bilancio 2010 di una somma per l’ampliamento dell’area tecnica. Il finanziamento Cariplo permetterebbe di assumere un altro progettista part-time e avviare un processo di progettazione partecipata.


Un parco lungo 365 giorni

E’ un progetto, realizzato con le Associazioni fotografiche di Sesto SG e di Cologno Monzese, con due obiettivi. Il primo è quello di testimoniare per immagini lo “stato di fatto” del Parco al 2009, attraverso una indagine fotografica completa di mappe. Il secondo obiettivo, più artistico, è avere la visione del fotografo con una chiave di lettura particolare, quella del tempo nello spazio. Quindi una visione più attenta al tempo che trascorre, a come muta il paesaggio, e ai tempi delle persone che frequentano il Parco o che ci abitano intorno.



Progetto qualità acque

Dall’estate 2009 ha preso il via un tavolo per verificare la possibilità di partecipare a un bando europeo incentrato su modelli di governance locale per la qualità delle acque e il recupero energetico. L’idea parte dal Parco, insieme ai due consorzi pubblici, che gestiscono i due depuratori delle acque che il Parco ospita, e all’agenzia Milano Metropoli. La proposta è stata allargata agli altri Enti che hanno giurisdizione sul corso del fiume e ai consorzi che gestiscono tutti gli altri depuratori.


PMVL e Politecnico di Milano

Oltre al lavoro svolto con l’Istituto Europeo del Design, sono state avviate due collaborazioni con corsi di livello universitario. La prima con i corsi del prof. Acuto e prof.ssa Bonfante, che hanno fatto lavorare gli studenti sul centro sportivo Manin di Sesto, all’interno del perimetro del Parco, e che hanno organizzato, nel gennaio 2010, il convegno “tempo libero, sport e città”. La seconda con il master Paesaggi Straordinari del Politecnico e della Nuova Accademia di Belle Arti di Milano, condotto dalla prof.ssa Bianchessi che ha fatto lavorare gli studenti sui limiti del parco e in particolare sulla zona intorno al cimitero nuovo di Sesto.


6 progetti in cerca d’autore

E’ un programma di lavori attraverso i quali proseguire l’opera di consolidamento e collegamento delle aree già fruibili del Parco: comprende la realizzazione di una passerella ciclopedonale, la sistemazione di aree di recente acquisizione, la realizzazione di tratti di piste ciclabili, modellazioni di terra e piantumazioni. Il Parco nel 2009 ha partecipato a 3 diversi bandi regionali per il finanziamento di queste opere. Investirà in attività di progettazione per poter essere pronto a partecipare ad altri futuri bandi di finanziamento.


Convenzione con depuratore dell’Alto Lambro

Il comune di Brugherio e il Consorzio Al.Si., che gestisce il depuratore ubicato a nord del Parco, stanno per firmare una convenzione relativa agli interventi previsti per la completa ristrutturazione dell’impianto: lo stanziamento previsto è di 80 milioni di euro parte dei quali saranno utilizzati per opere di mitigazione dell’infrastruttura, opere esterne all’impianto e interventi sul mulino di Occhiate.